lunedì 3 luglio 2017

Come apparecchiare la tavola? Galateo e nuove idee tutte bio

Quando capita di avere ospiti o serate importanti a casa ci sono delle regole fondamentali da seguire: casa pulita e in ordine, un menù accattivante ed una tavola apparecchiata in modo impeccabile. Ma quali sono le indicazioni principali per creare l'atmosfera giusta?



Innanzi tutto la scelta della tovaglia, la vera protagonista che accompagnerà la serata dando subito un tono all'incontro. Si consiglia monocolore per situazioni più formali o per cene romantiche, andando su colori pastello, non troppo sgargianti; per quanto riguarda feste o cene più informali si possono utilizzare fantasie e geometrie più simpatiche e colorate.




Nel caso in cui si tratti di un pranzo o una serata eleganti, non potranno mancare i sottopiatti, solitamente coordinati con il servizio che verrà utilizzato per le pietanze con una circonferenza . A Natale sono permessi quelli rossi, color oro e argentati. Il sottopiatto dovrebbe essere dai 33 ai 35 cm.



Sopra al sottopiatto va il piatto piano. Il piatto fondo, invece, si mette in tavola solo se sono previste zuppe o minestre. Il piattino porta pane va sistemato in alto a sinistra proprio dalla parte opposta del bicchiere, che andrà posizionato in alto sulla destra.


Le posate hanno regole ben precise: forchette a sinistra, coltelli e cucchiai a destra. Si deve calcolare la presenza di una forchetta per ogni portata, quindi la più vicina al piatto, da cui le altre partiranno a scalare sarà quella della portata principale, subito a sinistra della forchetta principale sistemate la forchetta dell’antipasto lasciando un paio di centimetri di distanza l’una dall’altra.



Lo stesso discorso va fatto con i coltelli, che saranno adagiati alla destra del piatto partendo da quello per la portata principale per poi aggiungere quello per l'antipasto sulla destra. Alla sua destra, se prevista una zuppa, posizionare il cucchiaio. Le posate da dolce e da frutta vanno messe in orizzontale in alto al piatto.



La tradizione da sempre vuole servizi in ceramica, bicchieri in cristallo e posate in argento, tuttavia, oltre che molto costosi, questi materiali sono anche difficili da lavare e tenere sempre puliti e lucidati. Per questo motivo ultimamente ci sono molte nuove proposte e le più interessanti sono senza dubbio le stoviglie prodotte con materiali biodegradabili e compostabili. Una volta finito di utilizzarle si potranno comodamente buttare nel contenitore dell'organico della raccolta differenziata.


Al contrario di ciò che si può pensare, anche  piatti monouso in cellulosa oin foglia di palma possono rendere una “mise en place” raffinata e ricercata grazie al Design particolare che li contraddistingue e gli ospiti gradiranno senza dubbio l'originalità e la naturalezza di queste stoviglie!




Nessun commento:

Posta un commento